Il viaggio di Heno per innescare il cambiamento sociale

Il viaggio di Heno per innescare il cambiamento sociale


Il rapper etiope-eritreo Heno è cresciuto a Takoma Park, nel Maryland, al nesso di più mondi. Come studente albo d’onore con intelligenza di strada, Heno ha sperimentato sia i privilegi che le ingiustizie del suo ambiente. L’appartamento della sua famiglia si trovava accanto alle scuole elementari e medie, una biblioteca e una stazione di polizia, una combinazione di luoghi che avrebbero plasmato la sua prospettiva sulla vita.

Da bambino, Heno spiega che uno dei suoi primi ricordi riguardava un incontro traumatico con la polizia quando entrarono illegalmente in casa sua, accendendo una torcia e puntandogli contro una pistola. Dice di essere stato anche ingiustamente accusato di spaccio di droga in prima elementare e ammanettato. Questi eventi hanno influenzato la sua prospettiva sulla vita e il suo posto in essa e hanno contribuito alla sua consapevolezza degli alti tassi di incarcerazione nel Maryland.

Oggi, Heno sta usando la sua arte e la tecnologia blockchain per creare un impatto significativo nella sua vita, nella vita della sua comunità digitale in continua crescita e nelle sue comunità negli Stati Uniti e in Etiopia.

Credito: Heno

Cambiamento sociale attraverso l’empowerment dell’artista

Nel suo prossimo album, I’m Tired of Being Hypersurveilled, Heno intende richiamare l’attenzione su questioni di razzismo, brutalità della polizia, salute mentale e privacy. “Ogni aspetto del mondo digitale è monitorato in una certa misura”, spiega Heno sul sito web del progetto. “Mi sento molto più al sicuro offline e fuori dalla rete. […] Sono stanco dell’ipersorveglianza.

E non si tratta solo di queste piattaforme che hanno accesso ai nostri tabulati telefonici, documenti finanziari e dati di riconoscimento facciale, spiega, ma anche dei modi in cui traggono profitto dagli utenti. Gli utenti dei social media possono creare follower condividendo contenuti quotidiani, ma così facendo creano anche valore per la piattaforma.

Secondo Heno, la tecnologia blockchain è particolarmente adatta per combattere questi problemi. “[In Web2,] pubblichiamo i nostri contenuti, ma non li possediamo. In Web3, possediamo tutto”, ha detto in un’intervista a nft now.

IN THE MEANTIME è un cortometraggio in tre parti che tocca la sorveglianza, la terapia e le lunghezze che si dovranno affrontare per trovare la pace. 🎥

pt. 2 “PTSD Anonymous” è IN DIRETTA ORA su @ourZORA! 🔥 pic.twitter.com/AKPn42wLXr

— HENO. (@mynameisheno) 15 marzo 2023

Ma l’arte di Heno non è solo incentrata sulla sensibilizzazione su tali questioni, ma contribuisce anche direttamente al cambiamento sociale. I proventi delle sue gocce vanno a The Bail Project, Maryland Alliance for Justice Reform e Baltimore Action Legal Team, con un impatto tangibile sulla vita delle persone nel suo stato d’origine. Inoltre, come volontario per la Wegene Ethiopian Foundation, Heno ha aiutato ad aprire un centro di conoscenza in Etiopia, fornendo laboratori informatici e altre tecnologie ai bambini locali.

Questi sforzi sono una grande parte del motivo per cui crede di essersi fatto un nome in Web3. “Le persone si preoccupano di più dell’intenzione alla base di un progetto in Web3 che nell’industria musicale tradizionale”, ha affermato. “Una volta capito questo, sapevo di aver trovato il posto giusto.”

I vantaggi finanziari della tecnologia blockchain

Sebbene Heno si consideri nel “posto giusto”, la sua carriera è iniziata originariamente nel web2. La sua transizione in Web3 evidenzia i vantaggi di fiducia e trasparenza che la tecnologia blockchain offre agli artisti.

“Vengo dall’industria musicale tradizionale, dove ho pagato migliaia di dollari per redigere contratti per fare affari con le persone”, ha spiegato Heno. “Se ho bisogno di 20 pagine di clausole per fare affari con te, forse non dovremmo lavorare insieme.” Al contrario, i contratti intelligenti consentono agli artisti di collaborare e condurre affari senza la necessità di complessi accordi legali o intermediari.

Heno sottolinea anche l’importanza che ogni artista comprenda il proprio compenso e la proprietà, che la tecnologia blockchain rende più trasparenti e accessibili. Questa facilità di accesso consente agli artisti di assumere il controllo della propria carriera e del futuro finanziario, consentendo così la loro continua espressione artistica.

“Ovviamente, vengo pagato di più in Web3 di quanto non sia stato pagato per i numeri in streaming”, ha detto in un’intervista con nft now. “È fantastico, ma questo è il miope vantaggio.” Avere la libertà di scegliere sia il suo percorso finanziario che quello creativo è un privilegio che non avrebbe goduto con un contratto discografico tradizionale.

Molti artisti sono alle prese con la sindrome dell’impostore, supponendo che debbano accontentarsi di meno e fare affidamento su entità più grandi per avere successo. L’esperienza di Heno in Web3 dimostra che non è così. “Penso che quando le persone ti vedono aiutare te stesso, vogliono supportarti di più”, ha detto. Attraverso Web3, Heno è stato in grado di costruire relazioni direttamente con le persone, promuovendo una comunità solidale e connettendosi con il pubblico a un livello più profondo.

Heno rileva anche l’importanza dell’umiltà e dell’apprendimento nella costruzione di comunità in Web3. Data la curva di apprendimento tecnologica, gli artisti devono avvicinarsi allo spazio con un genuino desiderio di apprendere e adattarsi. Questa mentalità è stata una delle risorse più significative di Heno, permettendogli di evolversi insieme al panorama in rapida evoluzione. Il suo desiderio di imparare lo ha aiutato a collaborare con artisti come Mick Jenkins, JPEGMAFIA, Chaz Bear e altri.

Attraverso le sue collaborazioni con la comunità e il suo desiderio di guidare il cambiamento sociale, è riuscito a creare un mondo digitale unico intorno alla sua musica. Di particolare importanza è un cortometraggio intitolato In the Meantime, che è stato rilasciato come serie di NFT il 22 marzo.

L’obiettivo di Heno è creare opere d’arte che stimolino conversazioni, promuovano connessioni e facilitino la trasformazione. Mentre guidare il cambiamento sociale attraverso la loro arte è certamente cruciale, gli artisti devono anche difendere se stessi. Un metodo per raggiungere questo obiettivo è sperimentare in Web3.

Crede che la tecnologia blockchain gli consenta di suddividere il suo lavoro in pezzi digeribili, rendendolo più accessibile e coinvolgente per il pubblico. Spingendo i confini di ciò che è possibile in Web3 e sfruttando le opportunità uniche che presenta, Heno e altri artisti possono continuare a guidare il cambiamento sociale attraverso la loro arte, ma anche difendendo se stessi.



Ti piace? Condividi con i tuoi Amici
Facebook
Twitter
LinkedIn
Reddit
Pinterest
Leggi anche..