Una guida agli strumenti e alle funzionalità più recenti

Una guida agli strumenti e alle funzionalità più recenti

Il 22 giugno, Midjourney ha annunciato il lancio della versione 5.2 del suo modello AI text-to-image tramite Twitter. L’ultimo aggiornamento del programma da quando la società ha annunciato il rilascio della V5.1 a maggio, la V5.2 include alcuni divertenti aggiornamenti e giocattoli che gli amanti dell’arte dell’IA stanno già sperimentando in modi altamente creativi. L’aggiornamento può produrre risultati davvero impressionanti, ma come qualsiasi strumento, funziona meglio quando si ha un’idea delle sue capacità e dei suoi limiti.

Se non hai familiarità con l’uso di Midjourney in generale, vai alla nostra guida sul programma di generazione di immagini prima di immergerti di seguito. Ecco tutto ciò che devi sapere sul modello V5.2 e sulla sua nuova suite di strumenti.

Strumento Zoom indietro

Se vuoi giocare con V5.2, non devi fare nulla per configurarlo; gli aggiornamenti del modello sono stati caricati automaticamente nelle tue impostazioni utente e avranno effetto nel momento in cui inserisci un prompt. La prima caratteristica che esamineremo è la funzione Zoom Out di Midjourney.

Simile allo strumento Riempimento generativo di Adobe, la funzione di zoom consente agli utenti di espandere un’immagine originale, ampliandone l’ambito a una scala più ampia mantenendo invariati i dettagli dell’immagine originale. Dopo aver inserito un prompt tramite il comando “/image”, Midjourney darà il via a quattro iterazioni visive in una griglia basata sull’input dell’utente. Possono quindi “ingrandire” l’immagine particolare che gli piace di più, renderla con maggiore dettaglio.

Stiamo testando la V5.2 oggi, include estetica migliorata, coerenza, comprensione del testo, immagini più nitide, modalità di variazione più elevate, riduzione dello zoom e un nuovo comando /shorten per l’analisi dei token di richiesta. Godere!

— Midjourney (@midjourney) 22 giugno 2023

Da qui, gli utenti vedranno ora tre pulsanti sotto l’immagine ingrandita con l’etichetta “Zoom indietro 2x”, “Zoom indietro 1,5x” e “Zoom personalizzato”. Mentre i primi due ingrandiranno la scena originale rispettivamente a due volte e mezzo la scala dell’immagine originale, “Zoom personalizzato” ti consentirà di mettere a punto quel rapporto (tramite un semplice prompt manuale edit) a qualsiasi valore compreso tra 1.0 e 2.0. Se vai oltre 2.0 con il tuo prompt, Midjourney restituirà un messaggio di errore che ti chiede di mantenere la cifra tra questi due valori.

La cosa divertente con cui giocare qui sono le opzioni di zoom potenzialmente infinite. Se rimpicciolisci l’output, puoi quindi prendere quell’immagine ingrandita e riapplicare la funzione Zoom Out 1.5/2x quanto vuoi, e continuerà a costruire sulla tua immagine in continua espansione.

Midjourney V5 normale di alto livello. Credito: Midjourney/nft ora Midjourney V5 Zoom 2x. Credito: Midjourney/nft ora

Espandere un’immagine esistente per creare un ambiente visivamente coerente è un ottimo modo per i creativi di portare le proprie idee a un altro livello. Il Twitterverse è stato entusiasta del rilascio da quando è uscito, con molte persone che condividono le loro idee su come i creativi potrebbero essere in grado di utilizzare il modello aggiornato, incluso l’uso dell’interpolazione delle immagini e le modifiche in software come Final Cut Pro per creare alcuni elementi visivi avvincenti che rasentano caratterizzato da un’estetica con zoom infinito.

Funzione Crea quadrato

L’aggiornamento include anche uno strumento “Crea quadrato”, che altera la forma delle immagini realizzate con proporzioni diverse da una forma quadrata perfetta. Le immagini orizzontali (realizzate con il comando prompt finale di –ar 16:9) possono essere espanse verticalmente utilizzando lo strumento e viceversa. Cerca le frecce accanto al pulsante “Crea quadrato”, che indicano in quale direzione avverrà il ridimensionamento.

Uscita dell’immagine originale con proporzioni 16:9. Credit: Midjourney/nft now Squared image. Credito: Midjourney/nft ora

Modalità variazione

Midjourney V5.2 include anche una nuova funzionalità chiamata “Modalità variazione” che essenzialmente consente agli utenti di affinare il tipo di sfumatura visiva e il cambiamento che desiderano applicare ai propri output. Utilizzare il comando rapido “/settings” per impostare questa funzione su “Modalità variazione elevata” o “Modalità variazione bassa”. Una variazione elevata porta a una deviazione visiva leggermente maggiore dall’output originale, che può portare a risultati più interessanti o esplorativi mentre mantenere l’impostazione bassa tenderà a consentire una maggiore coerenza visiva.

Gli esempi seguenti utilizzavano lo stesso seme visivo e lo stesso prompt, con gli output di sinistra originati da una “variazione bassa” e quelli di destra impostati su “alto”.

Bassa variazione. Credito: Midjourney/nft ora Alta variazione. Credito: Midjourney/nft ora

Midjourney ora offre anche una versione più localizzata di questa funzione durante l’upscaling di un’immagine, consentendo di “Vary (Strong)” o “Vary (Subtle)” un singolo output. È simile per funzionalità alla modalità Variazione, ma ti consente di applicare lo strumento in casi specifici senza trasmetterne gli effetti a tutto il tuo lavoro. Se stai cercando di fare davvero qualche esperimento, combina “High Variation Mode” con “Vary (Strong)” per ottenere i migliori risultati.

Credito: Midjourney/nft ora

Comando Accorcia

Uno dei più grandi malintesi su Midjourney è che se usi più parole nel tuo prompt, vedrai automaticamente risultati migliori o più dettagliati. Mentre la creazione di prompt dettagliati può portare a output più accattivanti, il più delle volte prompt eccessivamente dettagliati annullano l’impatto di ogni singola parola, risultando in output blasé che hanno meno probabilità di corrispondere a ciò che avevi in ​​mente.

Un modo utile per aggirare questo problema è utilizzare il comando “Accorcia” di Midjourney. Digita semplicemente “/ accorcia” e inserisci il tuo prompt prolisso. Midjourney analizzerà i suoi componenti e suggerirà alcune alternative da utilizzare.

Credito: Midjourney/nft ora

Stilizzare

Midjourney è addestrato a creare immagini che abbiano un lampo artistico e un’estetica visiva lussureggiante, che è una delle cose che lo distingue da programmi come Stable Diffusion. Uno dei modi in cui gli utenti possono appoggiarsi a questo effetto è utilizzando la funzione “Stilizza”. Mentre gli utenti erano in precedenza in grado di aggiungere “–stilizza X” alla fine dei loro prompt (con la cifra X compresa tra 0 e 1000), la V5.2 ha preso le capacità di stilizzazione esistenti del modello e le ha portate a 11 in termini di realismo e talento. Ecco solo alcune delle immagini che le persone stanno realizzando utilizzando il nuovo modello.

Ti piace? Condividi con i tuoi Amici
Facebook
Twitter
LinkedIn
Reddit
Pinterest
Leggi anche..