Tutto ciò che devi sapere su NFT e tasse nel 2023

Tutto ciò che devi sapere su NFT e tasse nel 2023


La stagione fiscale è finalmente alle porte, con il 18 aprile contrassegnato come data di scadenza ufficiale per le dichiarazioni dei redditi delle persone fisiche federali statunitensi. Purtroppo, è un giorno che crea confusione per quasi tutti. Ma nell’ultimo anno, è diventato particolarmente difficile per le persone che segnalano guadagni dagli NFT.

Non lasciare che i nervi abbiano la meglio su di te, però, perché i professionisti fiscali hanno cercato di prepararsi (e quelli nello spazio NFT) per affrontare un’ampia varietà di esigenze fiscali crittografiche del 2023. Si spera che quest’anno coloro che effettuano ricerche su Google per “scappatoie fiscali NFT” abbiano già trovato una grande quantità di informazioni sulla segnalazione di attività, guadagni e perdite NFT.

Ovviamente, ciò non significa che le tasse NFT saranno la cosa più semplice che tu abbia mai fatto o che non dovresti prenderle sul serio. Dopotutto, i passi falsi possono essere costosi, ma ci sono risposte. Quindi, prima di rivendicare enormi perdite perché hai venduto i tuoi PFP molto al di sotto del valore di mercato, ecco le cose fondamentali che i creatori e i collezionisti devono sapere su tasse e NFT.

Come vengono tassati gli NFT?

È essenziale capire come l’IRS vede gli NFT nel 2023. Sfortunatamente, il codice fiscale degli Stati Uniti non affronta formalmente il modo in cui gli NFT dovrebbero essere tassati. Ma ci sono alcuni principi guida che hanno permesso agli esperti di capire più o meno come funzionano le cose.

Per cominciare, c’è una forte argomentazione da sostenere secondo cui gli NFT non dovrebbero essere rivendicati come “oggetti da collezione” secondo il codice fiscale statunitense. Ma gli NFT sono collezionabili, giusto? Quindi, perché non sono tassati come tali?

Perché gli oggetti da collezione ai sensi della Sezione 408(m)(2) dell’IRC includono:

  • Qualsiasi opera d’arte,
  • Qualsiasi tappeto o oggetto d’antiquariato,
  • Qualsiasi metallo o gemma (con eccezioni limitate, di seguito),
  • Qualsiasi francobollo o moneta (con eccezioni limitate, di seguito)
  • Qualsiasi bevanda alcolica, o
  • Qualsiasi altro bene personale tangibile che l’IRS determina è un “oggetto da collezione” ai sensi della Sezione 408(m) dell’IRC.

L’uso di “altro” nell’ultima voce dell’elenco chiarisce che gli oggetti da collezione devono essere beni personali tangibili. Quindi, sebbene gli NFT possano essere arte, sicuramente non sono tangibili. La giuria è ancora fuori discussione, ma sembra abbastanza chiaro che, data la loro connotazione finanziaria, gli NFT non sono tassati come oggetti da collezione.

Altri ancora, come i senatori statunitensi Cynthia Lummis e Kirsten Gillibrand, vorrebbero vedere gli NFT tassati come qualcosa di completamente al di fuori dell’ambito dei collezionabili. Secondo una proposta di legge sulle criptovalute del 2022 scritta dai due in cui “beni digitali” e “valuta virtuale” sono rigorosamente definiti, gli NFT potrebbero fare bene a essere trattati come merci (come petrolio, cotone, semi di soia, ecc.) piuttosto che come titoli .

Ciò significa che gli NFT rientrerebbero nell’ambito della Commodity Futures Trading Commission (CFTC) piuttosto che della Securities and Exchange Commission (SEC). Ma mentre il suddetto disegno di legge tenta di regolamentare gli scambi di risorse digitali, i contribuenti non sentiranno nessuna delle sue increspature mentre dichiarano le loro tasse NFT dalla stagione 2022.

Quindi, per la maggior parte, gli esperti pensano che gli NFT dovrebbero essere trattati in modo più semplice e considerati adiacenti all’infrastruttura già esistente per criptovalute fungibili come Ether e Bitcoin. Ma se facciamo un altro gradino più in basso nella scala, non possiamo ignorare che le criptovalute sono spesso viste come azioni, più come proprietà.

In breve, secondo l’IRS, anche gli NFT sono tassati insieme alle criptovalute come proprietà. Mentre potremmo continuare a speculare per un altro anno se i token debbano o meno essere considerati oggetti da collezione o materie prime, i trader devono semplicemente sapere che gli NFT sono soggetti all’imposta sulle plusvalenze.

Tasse sulle plusvalenze e NFT

In sostanza, un’imposta sulle plusvalenze è un’imposta applicata sui profitti guadagnati dalla vendita di qualsiasi attività che è aumentata di valore nel corso di un periodo di detenzione. Questo… è un po’ un boccone. Un modo più semplice per dirlo potrebbe essere dire: se coni un NFT a 0,08 ETH e poi lo vendi per 2,5 ETH pochi mesi dopo, ciò crea una plusvalenza tassabile perché hai guadagnato denaro (o capitale).

Sì, l’acquisto di un NFT basso, la detenzione per alcuni mesi, quindi la vendita alta è tassabile. Ma questo vale anche per le perdite. Quindi, se hai acquistato un NFT per 2,5 ETH e lo hai venduto a 0,08 ETH per una perdita finale di 1,7 ETH. Indovina un po? Questa è una perdita di capitale.

Quindi, che tu sia un creatore o un collezionista che si diletta nel trading di NFT, devi sapere che le plusvalenze e le perdite non si verificano solo quando scambi criptovalute con valuta fiat. Accadono quando acquisti e vendi NFT. Certo, potrebbe sembrare un po’ contraddittorio, considerando l’ethos decentralizzato dello spazio NFT. Ma come sottolineato dall’IRS nell’avviso 2014-21, la variazione di valore di una data criptovaluta può creare una plusvalenza o una perdita.

Che tu stia vendendo un NFT, scambiando una moneta con un’altra (come ETH → APE) o incassando criptovalute per USD, è probabile che la maggior parte delle tue transazioni siano considerate eventi tassabili. E questi guadagni possono accumulare un notevole margine quando arriva il momento di accordarsi con l’IRS. Ma ecco il punto: agli occhi dell’IRS, il periodo di tempo in cui hai trattenuto un NFT fa una grande differenza nel modo in cui viene tassato. È qui che la lunghezza dell’HODL diventa importante.

Diciamo che detieni un NFT per meno di un anno e poi lo vendi per più di quanto hai pagato. Questo si chiama plusvalenza a breve termine. Questi sono generalmente tassati alla stessa aliquota del tuo reddito regolare. Secondo le fasce fiscali del 2023 stabilite dall’IRS, sarà compreso tra il 10 e il 37 percento.

Le plusvalenze a lungo termine, invece, sono meno tassate. Dato che gli NFT sono popolari solo da quasi due anni, questo è un po’ complicato. Se finisci per detenere un NFT per più di un anno, si tratta di una plusvalenza a lungo termine ed è tassato allo zero, al 15 o al 20 percento, a seconda del valore.

Dettata dalla soglia dell’imposta sulle plusvalenze del 2023 stabilita dall’IRS, l’aliquota fiscale sulle plusvalenze nette per la maggior parte delle persone fisiche non è superiore al 15%. Vedi i contorni delle tariffe di Bloomberg nell’immagine qui sotto. Per la maggior parte, questo intervallo del 15% è dove si troveranno i trader generici di NFT, con l’ovvia omissione di coloro che, diciamo, hanno fatto un omicidio a sei o sette cifre quest’anno. Consultare il modulo 8949 (in particolare “Vendite e altre disposizioni di beni capitali”) per ulteriori informazioni in merito.

Credito: imposta Bloomberg

Come calcolare le tasse NFT

Per l’IRS, le circostanze dei tuoi acquisti NFT sono tutte importanti. Come spiega l’avvocato Jacob Martin nella sua NFT Tax Guide, dovrai considerare cose come il periodo di tempo in cui hai detenuto la tua criptovaluta prima di acquistare un NFT, qual era il prezzo della tua moneta preferita quando hai acquistato rispetto a quando hai acquistato il NFT con esso, per quanto tempo hai tenuto l’NFT, la differenza di prezzo quando hai acquistato l’NFT rispetto a quando l’hai venduto, per quanto tempo hai tenuto la criptovaluta post-vendita e così via (si spera che tu abbia avuto l’idea).

Inoltre, assicurati di controllare se hai acquistato un NFT con USD anziché cripto. Questo è un evento non tassabile e che è diventato sempre più popolare con l’avvento del pagamento con carta di credito tramite piattaforme come Nifty Gateway.

Tuttavia, mentre la modalità di acquisto di un NFT può determinare se è tassabile, la vendita di un NFT è sempre un evento tassabile. Gli NFT sono considerati venduti ogni volta che vengono scambiati con USD, altri token (ETH) o utilizzati per acquistare qualcos’altro. E sì, questo vale per impegnare NFT, frazionare NFT e persino scambiare un NFT con un altro NFT.

Tasse NFT per i creatori

Ciò di cui abbiamo parlato nella prima metà di questa guida si applica principalmente ai collezionisti NFT. Indipendentemente dal fatto che ti identifichi come collezionista o commerciante (o meno), se stai acquistando e vendendo NFT, le informazioni di cui sopra potrebbero aiutarti a capire che tipo di informazioni devi avere a portata di mano per la dichiarazione delle tasse. Per i creatori di NFT, tuttavia, le cose sono leggermente diverse.

Se stai scambiando NFT, cosa che la maggior parte degli artisti fa oltre a creare e vendere, avrai bisogno delle informazioni di cui sopra. Ma c’è di più da sapere quando si tratta di guadagni maturati attraverso la vendita della tua opera d’arte originale. Fortunatamente per gli artisti, però, da qui è tutto molto semplice.

La creazione di un NFT non è un evento tassabile, ma la vendita di tale NFT lo è. La regola generale da seguire come artista/creatore di NFT è: quando vendi un NFT, dovrai pagare le tasse sui profitti. I profitti per i creatori di NFT non sono considerati guadagni; piuttosto, sono reddito. E questo reddito sarà tassato alla normale aliquota dell’imposta sul reddito. Per i lavoratori autonomi, questo tasso è del 15,3%. Anche se sei stato pagato in criptovalute peer-to-peer e non tramite una transazione sul mercato, questo è considerato un reddito (proprio come vendere una stampa di una delle tue opere) ed è tassato come tale.

È importante notare che l’imposta sul lavoro autonomo è diversa dalla normale aliquota dell’imposta sul reddito dal 10 al 37 percento. Dovrai determinare quanto dei tuoi guadagni netti dell’anno sono soggetti all’imposta sul lavoro autonomo. Per un po ‘di più su questo argomento, NerdWallet ha un ottimo spiegatore per aiutare qualsiasi lavoratore autonomo a ottenere il salto sulle tasse.

Se ti sei impegnato in donazioni di beneficenza relative a NFT durante tutto l’anno, ad esempio donando uno dei tuoi NFT a un museo o a una casa d’aste per una buona causa, le cose diventano un po ‘più difficili delle semplici tasse sul lavoro autonomo. In questo caso, assicurati di consultare il nostro articolo completo sull’argomento scritto da un avvocato qui.

Altrimenti, ricorda che le tasse sul lavoro autonomo sono la strada da percorrere e gli NFT che hai acquistato o venduto ma non hai creato saranno soggetti all’imposta sulle plusvalenze spiegata in precedenza in questa guida.

Sei pronto per il Tax Day?

Quindi, le tasse non fanno così paura… giusto? Sono decisamente complicati e richiederanno un po’ di tempo per essere completati, soprattutto se sei un trader attivo con molte transazioni, ma tutto sommato sono fattibili. Se i tuoi 9.999 colleghi proprietari di PFP possono farlo, puoi farlo anche tu.

Ho appena comprato all’IRS una Lambo😂🥲

— TedsLittleDream.eth 🧸 (@TedsLittleDream) 7 aprile 2022

Se sei ancora un po ‘confuso, considera di fare un po’ più di ricerca sulle tasse NFT per conto tuo. La già citata NFT Tax Guide di Martin è un ottimo punto di partenza, anche se dovrai spendere un po’ di ETH per coniare un NFT per ottenere l’accesso alla guida completa. O meglio ancora, chiedi in giro per la comunità NFT per vedere se qualcuno ti presterà la sua guida per un po’.

Alla fine della giornata, il modo migliore per fare le tue tasse NFT nel 2023 sarà sempre consultare un professionista fiscale. Ricorda, nft now non ti offre consulenza fiscale o finanziaria, ma aziende come ZenLedger, CoinTracker e Taxbit offrono servizi per aiutare coloro che si trovano negli spazi cripto, NFT e DeFi con le loro tasse.

E la parte migliore è che, anche se hai aspettato fino agli ultimi giorni per fare le tue tasse (come sicuramente hai fatto se stai leggendo questo ad aprile), la maggior parte dei servizi offre funzionalità plug-and-play, con un aiuto professionale opzionale sul lato. Ciò significa che puoi importare i tuoi portafogli e/o scambiare informazioni sull’account, correggere eventuali discrepanze ed essere sulla buona strada per un rimborso che pone un limite allo stress fiscale fino al prossimo anno.

Ti piace? Condividi con i tuoi Amici
Facebook
Twitter
LinkedIn
Reddit
Pinterest
Leggi anche..
Archives des blog konnexidy. Wenn sie ihr fahrzeug verkaufen möchten, bietet mocars eine einfache möglichkeit, dies zu tun. Mit crashexperts an ihrer seite sind sie bestens gerüstet, um ihren schaden schnell und unkompliziert zu regulieren.