In che modo i diritti d’autore aiutano gli artisti visionari a trovare una comunità

In che modo i diritti d'autore aiutano gli artisti visionari a trovare una comunità


Nel 2020, l’artista JN Silva era in una stanza della Clubhouse a parlare di NFT e del potere dei diritti d’autore quando un importante artista psichedelico della fine degli anni ’60 tra il pubblico ha chiesto di parlare. Secondo Silva, ha condiviso: “Sono appena inciampato in questa stanza. Non avevo idea di cosa stesse succedendo. Ma questo da solo avrebbe cambiato la mia vita se fosse stato presente quando stavo creando arte.

L’artista, di cui Silva non ha fatto il nome, ha venduto pezzi negli anni ’60 e ’70 durante quello che ha definito un “periodo di massimo splendore”. Oggi, però, le sue opere vengono rivendute per milioni, ma a causa della natura delle opere d’arte fisiche, non ha visto un centesimo. “Immagina se avessi ottenuto i diritti d’autore da tutte queste opere”, ha detto l’artista a Silva, “avrei la libertà mentale di continuare a esercitare la mia creatività e non dover combattere contro una versione passata di me stesso.

Questa enfasi sull’importanza dei diritti d’autore e sul modo in cui possono offrire opportunità continue agli artisti è stata un filo conduttore durante il panel di The Gateway “The State of Film NFTs”, con Silva, il regista Nelson G. Navarrete e la regista Julie Pacino a dicembre 1, 2022.

Da sinistra a destra: Isabella Montoya, Nelson G. Navarette, JN Silva, Julie Pacino. Credito: nft ora

Le royalties non dovrebbero “mai andare via”

In passato, i cineasti indipendenti si sono rivolti a piattaforme di crowdfunding tradizionali come Kickstarter per assicurarsi i fondi del progetto. Dalle commedie d’azione acclamate dalla critica come Kung Fury ai pluripremiati film horror come The Babadook, il crowdfunding ha aiutato molti classici di culto a realizzarsi. Ma con l’emergere della tecnologia NFT, alcuni cineasti stanno abbandonando queste piattaforme a favore delle opportunità di raccolta fondi Web3.

Pacino, ad esempio, è entrato nella storia come uno dei primi a finanziare un film con gli NFT. La regista ha lavorato per finanziare il suo film I Live Here Now attraverso un progetto NFT chiamato “Keepers of the Inn”, che consisteva in 3.356 foto scattate durante le prove.

Uno dei motivi principali per cui Pacino ha scelto di rivolgersi agli NFT è stato a causa dei diritti d’autore. Durante il panel, ha sottolineato l’importanza dei diritti d’autore, affermando che “non dovrebbero mai andare via” e che non vanno solo a beneficio dell’artista. “[Royalties] sono entusiasmanti dal punto di vista di un collezionista perché se [I]l’artista, [am] vendendoti del lavoro e poi io vado a sfondare il culo e ad aumentare il mio valore, allora sei tu [also] ne trarrà beneficio “, ha detto.

Ma i diritti d’autore non sono l’unico motivo per cui registi e produttori si rivolgono agli NFT: offrono anche un nuovo modo per i cineasti di entrare in contatto con il pubblico. “È davvero prezioso entrare in contatto con le persone interessate al tuo lavoro prima ancora di aver girato il film. È una cosa miracolosa. Possono informare il processo creativo e aiutare a portare avanti la tua visione “, ha spiegato Pacino.

Un film in costruzione in Web3

I fan di Film3 hanno avuto l’opportunità di vedere Navarrete e Silva condividere alcuni dei loro ultimi lavori il 2 dicembre. I co-registi Navarrete e Alex Ulises hanno ospitato una proiezione del loro documentario Idiosincrasia Latina insieme a NEA, il teaser di Buscando América — “un film di finzione in costruzione in Web3” di cui Silva è stato produttore esecutivo.

L’11 aprile facciamo un salto da gigante nel mondo di Film3. La nostra raccolta di foto, IDIOSINCRASIA, va in diretta esclusivamente su @opensea /Mint details 🧵

Questa raccolta getterà le basi per nuove forme di cinema indipendente, specialmente in America Latina.https://t.co/2kXilQGsRe pic.twitter.com/QktEGmesCY

— Buscando America (@buscandoam3rica) 7 aprile 2023

Il film esplora la storia dei 16 comuni della città colombiana di Medellín, con l’obiettivo di rappresentare le vere realtà dell’area che spesso non si riflettono oltre i confini del paese. E la comunità è al centro dell’intero progetto.

“L’impatto sociale che vogliamo avere, non solo con Web3, ma accompagnato da Web3, è fornire alcuni strumenti nei comuni che visitiamo, dove troviamo questi attori che parteciperanno al nostro film, dove possiamo insegnare laboratori di produzione, laboratori di performance e laboratori di Web3 dove insegniamo come utilizzare determinati strumenti per questa tecnologia che è nuova “, ha detto Navarrete a Voz de América.

Oltre alla gente del posto, i cineasti sperano anche di aprire la strada ad altri creativi nello spazio Web3. “La nostra motivazione principale è costruire l’infrastruttura che aiuti i cineasti emergenti a raccontare le loro storie […] senza dover passare attraverso le strutture tradizionalmente difficili”, ha detto Navarrete.

Ed è qui che risiede la magia dello spazio, e ciò che potrebbe (si spera) portare a una nuova economia dei creatori in cui questi artisti hanno esattamente ciò per cui l’artista psichedelico degli anni ’60 si è battuto: la libertà di praticare la creatività senza barriere.



Ti piace? Condividi con i tuoi Amici
Facebook
Twitter
LinkedIn
Reddit
Pinterest
Leggi anche..
Archives des blog konnexidy. Mit crashexperts an ihrer seite sind sie bestens gerüstet, um ihren schaden schnell und unkompliziert zu regulieren.