Giganti del commercio al dettaglio presi di mira con minacce di bombe ed estorsioni di Bitcoin

Giganti del commercio al dettaglio presi di mira con minacce di bombe ed estorsioni di Bitcoin

I giganti della vendita al dettaglio negli Stati Uniti, tra cui Walmart, Kroger, Meijer e Whole Foods, sono recentemente diventati l’obiettivo di una serie di false minacce di bombe. Sebbene queste minacce si siano finora dimostrate infondate, hanno creato un clima di apprensione e disordine nei negozi di tutta la nazione.

Gli autori di queste minacce hanno mantenuto l’anonimato utilizzando numeri di telefono bloccati e hanno richiesto pagamenti di riscatto in varie forme, tra cui Bitcoin, buoni regalo e contanti.

In un caso, un chiamante anonimo ha affermato di aver piazzato una bomba a tubo in un negozio Whole Foods suburbano a Chicago, chiedendo $ 5.000 in Bitcoin. Allo stesso modo, un negozio Kroger nel New Mexico è stato minacciato di far esplodere una bomba a meno che non fosse stato effettuato un trasferimento di denaro al chiamante. In entrambi i casi i negozi sono stati evacuati e sono state convocate le forze dell’ordine, ma non sono state trovate bombe.

L’FBI e altre forze dell’ordine stanno indagando su queste minacce. I rivenditori sono stati invitati a segnalare immediatamente qualsiasi potenziale minaccia al 911, ottenere le registrazioni della chiamata e contattare con urgenza gli uffici locali dell’FBI.

Queste minacce sono state fonte di notevoli disagi per i rivenditori, costringendo la chiusura dei negozi e l’evacuazione dei clienti. I rivenditori hanno implementato nuovi protocolli di sicurezza da quando gli incidenti si sono intensificati questa primavera.

“È dirompente”, ha detto al Wall Street Journal Doug Baker, vicepresidente delle relazioni industriali presso il gruppo di commercio alimentare FMI. “Se sono un rivenditore… devo chiudere i negozi e devo chiamare le forze dell’ordine. E manda fuori i clienti.

Parlando con The Journal, Lisa Bruno, vicepresidente senior della Retail Industry Leaders Association, ha definito le bufale “un’altra truffa in evoluzione” che prende di mira i rivenditori.

I truffatori spesso richiedono riscatti in criptovalute come Bitcoin perché possono essere inviate in modo rapido e anonimo senza utilizzare una banca come intermediario. Al momento in cui scriviamo, Bitcoin era scambiato a 30.235$, riflettendo un calo dello 0,68% nelle ultime 24 ore.

Nota del redattore: questo articolo è stato scritto da un membro dello staff di nft now in collaborazione con GPT-4 di OpenAI.

Ti piace? Condividi con i tuoi Amici
Facebook
Twitter
LinkedIn
Reddit
Pinterest
Leggi anche..