Bitcoin Ordinals svela lo standard del token BRC-69

Bitcoin Ordinals svela lo standard del token BRC-69

In un’insolita svolta degli eventi, la meraviglia di Bitcoin Ordinals continua a superare tutte le aspettative. Il 3 luglio, il protocollo ha presentato BRC-69, un nuovo token standard che apporta soluzioni creative al servizio, ottimizzando le spese e il tempo associati alla registrazione dei dati.

Le iscrizioni ordinali, altrimenti chiamate Bitcoin NFT, in precedenza hanno lottato con un limite di 4 MB all’interno dell’ecosistema. Tuttavia, l’inizio di Bitcoin Ordinals BRC-69 annulla tali vincoli attingendo al potere delle “iscrizioni ricorsive”. Riciclando i dati delle iscrizioni, gli utenti possono ora recuperare le informazioni dalle iscrizioni esistenti e sfruttarle per generarne di nuove, portando alla creazione di opere d’arte generative di alto livello con una riduzione del 90% dei costi di transazione.

WTF sono iscrizioni ricorsive?

Ecco tutto quello che devi sapere:

All’inizio di quest’anno il Protocollo Ordinals ha introdotto la possibilità per chiunque di inscrivere file completamente on-chain su Bitcoin. Queste iscrizioni sono autonome e ignare degli altri file che erano stati… pic.twitter.com/O3jt6lhaxT

— Leonidas.og (@LeonidasNFT) 12 giugno 2023

Test e prove BRC-69

Le iscrizioni ricorsive vengono emesse utilizzando una sintassi all’avanguardia ‘/-/content/:inscription_id’ per richiedere il contenuto delle iscrizioni già coniate sulla blockchain Bitcoin. La modifica apre numerose possibilità, sbloccando un approccio più conveniente non iscrivendo più 10.000 file JPEG per una raccolta PFP individualmente. Iscrivendo 200 tratti di un particolare gruppo e generando altre 10.000 iscrizioni per rendere le immagini e recuperare una piccola quantità di codice, gli acquirenti possono risparmiare milioni di dollari in costi di transazione, come già dimostrato da Bitcoin Apes.

Oltre a questo, Bitcoin Ordinals BRC-69 mette alla prova orizzonti più ampi. Come dimostrato da OnChainMonkey, inscrivendo pacchetti di codice a cui tutti possono accedere, lo standard token inscrive “p5.js” e “Three.js npm” sulla blockchain, consentendo al progetto NFT di coniare opere d’arte squisite con dimensioni di file inferiori a 1 KB per il suo prossimo calo dimensionale. Chiunque può avventurarsi in imprese simili, coniando arte generativa di alta qualità senza spendere una fortuna.

Un’altra possibilità include consentire alle persone di caricare più pacchetti di codice, superando la barriera dei 4 MB precedentemente esistente. Poiché la maggior parte dei software è costituita da fusioni di codice compilato, Bitcoin può evolversi in una rete interna in cui i file possono richiedere dati da altri file sulla blockchain.

Con lo sviluppo di BRC-69, il suo impatto sulla storia della blockchain di Bitcoin non può essere enfatizzato abbastanza. Sfruttando tutta la potenza della tecnologia blockchain, il panorama dell’innovazione e dell’arte digitale si evolve e diventa più accessibile a prezzi convenienti.

Voglio di più? Connettiti con NFT Plaza

Iscriviti alla newsletter settimanale
Seguici su Twitter
Come noi su Facebook
Seguici su Instagram

*Tutte le opinioni di investimento/finanziarie espresse da NFT Plazas provengono dalla ricerca personale e dall’esperienza dei moderatori del nostro sito e sono intese solo come materiale educativo. Gli individui sono tenuti a ricercare completamente qualsiasi prodotto prima di effettuare qualsiasi tipo di investimento.

Fanatico dell’arte digitale che offre una prospettiva unica alle notizie NFT.

Ti piace? Condividi con i tuoi Amici
Facebook
Twitter
LinkedIn
Reddit
Pinterest
Leggi anche..