All’interno del controverso impero dei memecoin di Ben.eth

All'interno del controverso impero dei memecoin di Ben.eth

La recente rinascita dei memecoin ha apparentemente ispirato un cambiamento significativo all’interno dell’ecosistema NFT. Perché? Perché il potenziale per trarre profitto dal trading di token popolari come $ PEPE, $ TURBO e simili è semplicemente troppo buono per lasciarselo sfuggire, anche per i trader NFT più fedeli.

Mentre le edizioni aperte e le meccaniche di masterizzazione hanno guidato il branco per la prima metà del 2023, i memecoin hanno senza dubbio rubato la scena ad aprile, suscitando elogi e polemiche. Tuttavia, anche quando il trading ha iniziato a rallentare e i prezzi sono diminuiti sulla scia di un fiasco di Coinbase, un influencer NFT è emerso come potenzialmente il più grande capofamiglia dell’intero ecosistema di memecoin finora.

Lanciando due dei suoi memecoin, un collezionista pseudonimo noto come Ben.eth è riuscito a generare quasi 7 milioni di dollari in ETH, raccogliendo sia fanfara che un’ampia opposizione nel processo. Ecco come è andato tutto.

Prima c’era $BEN

Sebbene Ben.eth fosse già un collezionista abbastanza noto nello spazio prima della stagione dei memecoin, il suo impegno sembra aver iniziato a crescere quando ha iniziato a twittare a sostegno della crescente comunità di $PEPE. Dopo un periodo di commenti sull’azione dei prezzi e l’ascesa fulminea del popolare token, Ben.eth ha deciso di provare a lanciare un’offerta simile.

Inserisci $BEN, un memecoin che porta il marchio personale del suo creatore. Con $BEN, Ben.eth ha lanciato 420,69 trilioni di token, spronato da una prevendita iniziata il 4 maggio. Mentre da allora alcuni dei tweet che facevano riferimento alla prevendita sono stati cancellati, da alcuni account la prevendita ha raccolto circa 60 ETH da poche centinaia di portafogli e chiuso solo il giorno dopo, il 5 maggio.

Poi è arrivata la vendita pubblica, che ha visto il numero dei titolari salire a migliaia. Tuttavia, poco dopo, i prezzi hanno iniziato a scendere e sembrava che la moneta sarebbe svanita prima ancora che avesse la possibilità di iniziare. Questo fino a quando il creatore di contenuti crittografici BitBoy non è stato coinvolto nel progetto.

Conosciuto per il suo controverso passato e per le sue prese pesanti su criptovalute e NFT, BitBoy, il cui vero nome è Ben Armstrong, ha trovato un’affinità con $BEN. Dopo essere andato per la prima volta su Twitter per parlare della moneta l’8 maggio, Armstrong ha annunciato apertamente il suo coinvolgimento nel progetto solo il giorno dopo.

Dopo solo pochi giorni in cui Ben.eth e Armstrong erano nella stessa squadra, la community di $BEN è stata colpita da un po’ di confusione. L’11 maggio è stato annunciato che Armstrong avrebbe “preso il 100%” e Ben.eth sarebbe diventato un consulente.

Un giorno dopo, Ben.eth ha svelato il suo prossimo memecoin.

$ PSYOP guerra memecoin

Il 12 maggio, Ben.eth ha annunciato che la sua nuova moneta, $PSYOP, sarebbe stata lanciata tramite prevendita. La moneta ha preso il nome da un popolare formato di meme che fa riferimento, ea volte prende alla leggera, la storia della guerra psicologica degli Stati Uniti.

L’annuncio di $PSYOP è stato apparentemente il punto in cui la controversia sulle offerte di memecoin di Ben.eth è arrivata davvero al culmine. Perché mentre la situazione di $BEN ha ispirato l’opposizione in gran parte a causa della sua affiliazione a Bitboy, $PSYOP è stato segnalato dai membri della comunità per le sue fragili meccaniche di lancio o per la loro mancanza.

In un tweet poi cancellato, Ben.eth ha annunciato che per garantire la prevendita dei token $PSYOP, gli utenti devono inviargli ETH direttamente al suo indirizzo ENS. Ciò significava che i potenziali investitori avrebbero dovuto prendere in parola Ben.eth se volevano entrare a far parte della comunità $PSYOP, poiché al momento della prevendita non era stato stipulato alcun contratto.

Credito: Ben.eth

NON PREOCCUPARTI. OGNI INDIRIZZO ETH CHE HA INVIATO TOKEN BEN.ETH RICEVERÀ I TOKEN $PSYOP CORRISPONDENTI ENTRO LA FINE DEL WEEKEND.

— ben.eth (@eth_ben) 12 maggio 2023

Poco dopo il suo annuncio, ETH ha iniziato a inondare il portafoglio di Ben.eth e l’influencer alla fine si è assicurato circa 3.800 ETH, poco meno di $ 7 milioni in pochi giorni. L’entità della vendita ha spinto molti nomi influenti nello spazio NFT a commentare, con sentimenti divisi tra coloro che lodavano la mossa e altri che si spingevano fino a suggerire che fosse illegale.

Tuttavia, con il passare dei giorni dopo la prevendita di $PSYOP senza che un contratto fosse terminato o rilasciato, il disagio tra gli investitori e gli scettici ha iniziato a crescere. Anche così, Ben.eth ha continuato a promuovere il suo memecoin impassibile, condividendo “prove” dal presunto sviluppatore della moneta per aggiungere peso al progetto e prendendo in giro coloro che lo hanno chiamato a scontare la prigione nel processo.

Il 18 maggio, il contratto $PSYOP è stato pubblicato e Ben.eth si è unito a uno spazio Twitter ospitato dal noto commentatore di NFT ThreadGuy per chiarire le cose. Circa 17.000 ascoltatori si sono uniti per ascoltare cosa aveva da dire il milionario memecoin. Ma molti sono rimasti insoddisfatti, prendendo su Twitter per chiamare il nostro Ben.eth per essersi contraddetto durante lo spazio e non aver fornito risposte chiare alle domande che gli erano state poste.

Il lancio è stato un disastro.

Molte persone hanno già perso migliaia di dollari.

Non comprare questa spazzatura. Avrai rekt proprio come queste persone. pic.twitter.com/FH14gh2tyT

— Aaron (@AaronSage) 19 maggio 2023

E mentre l’hype di $PSYOP stava apparentemente arrivando al culmine dopo che il contratto è entrato in vigore, coloro che hanno acquistato il memcoin all’inizio hanno iniziato a notare discrepanze tra le allocazioni che avevano inizialmente acquistato e ciò che era stato inviato ai loro portafogli.

In risposta a questo nuovo afflusso di critiche, Ben.eth sembrava raddoppiare la sua mentalità disinvolta mentre si vantava del successo del lancio. Nel frattempo, gli utenti di Web3 hanno rinnovato le conversazioni sulla legalità delle sue azioni, spingendo l’avvocato Mike Kanovitz a prendere in considerazione l’idea di intentare un’azione legale collettiva contro l’ormai famigerato collezionista.

Sebbene Ben.eth abbia minacciato di intentare una contro-querela contro Kanovitz e il suo studio, resta da vedere se seguirà un’azione legale sulla scia di $PSYOP. Mentre alcuni potrebbero aver pensato una volta (o forse credono ancora) che $BEN e $PSYOP potrebbero rivelarsi un campione di memecoin, sembra più probabile che le azioni di Ben.eth (sebbene innegabilmente storiche) continueranno a intrecciarsi un racconto ammonitore.

Ti piace? Condividi con i tuoi Amici
Facebook
Twitter
LinkedIn
Reddit
Pinterest
Leggi anche..