Abbiamo chiesto agli esperti cosa riserva il futuro per gli NFT

Abbiamo chiesto agli esperti cosa riserva il futuro per gli NFT


L’obiettivo in Web3 è stare al passo con i tempi. Che tu sia un commerciante che cerca di comprare a poco e vendere a tanto, un creatore che lavora per entrare nel primo piano di una nuova tendenza o un collezionista d’arte che cerca di assicurarsi opere prima che un artista salga alla ribalta, essere in anticipo ti fa guadagnare entrambi finanziariamente guadagni e prestigio della comunità.

Naturalmente, “vincere” in Web3 a volte è semplicemente un caso di fortuna. Il collezionista a cui capita di coniare il più raro NFT non rivelato in una collezione PFP lo fa sicuramente con poca visione del futuro. Detto questo, ci sono molte persone impressionanti come Cherie Hu, Misan Harriman e Brendan Playford. Piuttosto che limitarsi a guardare al futuro, stanno aiutando a modellarlo e crearlo creando.

Quindi, chi meglio può rispondere alla domanda numero uno nella mente di ogni appassionato di NFT: cosa riserva il futuro per gli NFT?

Cherie Hu

Credito: Cherie Hu

Cherie Hu è una premiata giornalista che esamina l’intersezione tra musica, media e tecnologia. È anche la creatrice di Water & Music, una popolare newsletter che evidenzia l’innovazione nella musica e nella tecnologia. Nel corso del tempo, la newsletter si è evoluta per includere un DAO di ricerca, che ha lo scopo di fornire alle persone nel settore musicale le informazioni di cui hanno bisogno per stare al passo con i progressi di blockchain, NFT e tecnologie correlate.

Hu ha detto che pensa che, nel tempo, le persone in Web3 si sentiranno meno vergognose e colpevoli di collaborare con – e trarre ispirazione e saggezza da – veterani dell’industria musicale tradizionale. Ha anche spiegato che questa transizione sarà un bene netto, poiché la musica Web3 sta attualmente affrontando un problema.

“Quasi tutti gli artisti che conosco che lavorano in Web3 stanno lottando per mantenere, figuriamoci crescere, un’identità coesa attraverso le piattaforme Web3”, ha detto in un’intervista con nft now. “Ci sono così tanti oggetti luccicanti che spuntano ancora su base settimanale […] ulteriore frammentazione invece di razionalizzare il panorama NFT nel suo insieme. Allo stesso tempo, mantenere un’identità di marca coerente e le esperienze dei fan su piattaforme social e commerciali è stato un problema che gli artisti negli spazi non Web3 hanno affrontato – e molti hanno combattuto con successo – per decenni “, ha affermato. “Quindi, penso che gli artisti Web3 abbiano molto da imparare dagli esperti di marketing nell’industria musicale tradizionale quando si tratta di tattiche di marketing che funzionano e non funzionano”.

A parte la necessità di prendere una pagina dai maverick del passato per tracciare una via da seguire nella musica Web3, Hu ha parlato del potenziale di tecnologie diverse dagli NFT per avere un impatto significativo sull’industria musicale. Discutendo dell’attuale boom dell’intelligenza artificiale (AI) in atto nelle industrie creative, ha affermato di ritenere che l’attrito tra l’avere un’idea e manifestare quell’idea sotto forma di un’opera creativa si ridurrà sostanzialmente a zero.

“[AI] aumenta notevolmente il campo di gioco di chi può essere un “artista”, nel senso di essere un partecipante attivo nell’economia della musica. I professionisti del settore dovrebbero essere attenti non solo alle domande esistenziali che derivano da questa espansione del panorama, ma anche alle reali sfide operative che ciò presenterà dal punto di vista dell’acquisizione dei dati e della gestione dei diritti “, ha affermato Hu. “I titolari dei diritti tradizionali stanno già lottando sotto il peso della maggiore quantità di dati di consumo da analizzare provenienti da piattaforme social come TikTok, e il volume più elevato di brani creati e pubblicati utilizzando l’intelligenza artificiale non farà che esacerbare questo problema”.

Per quanto riguarda il modo in cui l’intelligenza artificiale si relaziona al Web3 e alla blockchain, Hu ha espresso preoccupazione per l’emergente area grigia legale su chi dovrebbe essere accreditato e ricompensato per le opere d’arte generate dall’intelligenza artificiale, affermando che anticipa la crescente domanda di tecnologia di verifica in grado di confermare se un determinato lavoro è AI -generato e, in tal caso, chi ha premuto il pulsante “crea” e/o “distribuisci”.

“Direi che l’ecosistema NFT è ancora oggi guidato da artisti indipendenti…”

Quando si tratta di progetti, prodotti e piattaforme Web3, Hu afferma che i maggiori ritorni saranno realizzati da coloro che costruiscono pensando ad artisti indipendenti e relazioni positive tra artisti e collezionisti. Ha spiegato che ciò è dovuto al fatto che la capacità di resistenza di Web3 deriva dalla sua capacità di potenziare artisti indipendenti e consentire a una vasta gamma di creatori di trovare prosperità.

“Direi che l’ecosistema NFT è ancora oggi guidato da artisti indipendenti, se segui i soldi di chi sta guadagnando di più dai drop NFT, così come chi sta creando un precedente ed è il primo a muovere quando si tratta di stabilire nuovi casi d’uso intorno alla tecnologia “, ha affermato Hu. “Con condizioni di mercato ribassista più ampie, sembra esserci un cambiamento nella mentalità e nell’attenzione dal ‘solo ottenere la propria borsa NFT, non importa cosa’ al tornare ai fondamenti tecnici e cercare di costruire un prodotto solido e un’esperienza di artista/collezionista da zero su.”

Misan Harriman

Credito: Misan Harriman

Per l’attivista sociale e fotografo Misan Harriman, c’è ancora un’enorme quantità di lavoro da fare se Web3 deve elevare adeguatamente i creatori. Harriman, che è diventato famoso per le sue fotografie del movimento Black Lives Matter e per essere stato il primo uomo di colore a scattare una copertina per Vogue UK nei 104 anni di storia della rivista, è emerso come un sostenitore degli NFT di Tezos e come eminente sostenitore della diversità e dell’inclusione nel Web3. Ha anche fondato Culture3, un’organizzazione dedicata a educare le persone sulla natura potenziante della blockchain per artisti e collezionisti.

Per realizzare un futuro più equo per Web3, Harriman afferma che, oltre a concentrarsi sugli individui neri e marroni, lo spazio NFT deve garantire che tutti possano trovare supporto e comunità.

“I miei pensieri sono abbastanza semplici: non c’è quasi nessuna rappresentazione e inclusione, e raramente vedo qualcuno che mi assomigli in questo spazio”, ha detto Harriman in un’intervista a nft now. “Certamente non sento nessuno che abbia un accento molto diverso al di fuori di quello europeo o nordamericano. E so che la maggior parte della liquidità è nelle mani, di solito, di maschi bianchi cis”.

E se vogliamo arrivare a uno spazio più equo in cui i creatori siano sollevati, Harriman afferma che lo spazio dovrà considerare attentamente le persone che occupano i vertici del Web3.

“Le persone che adorano divinità diverse, le persone che hanno disabilità visibili e invisibili e le donne sono enormemente sottorappresentate in questo ecosistema”, ha affermato Harriman. “Quindi, se ce la faremo tutti, dobbiamo stare attenti a chi sono i nostri re e le nostre regine, e assicurarci che abbiano la giusta bussola morale e abbastanza esperienza vissuta per capire che, mentre saliamo, dobbiamo sollevare coloro che hanno bisogno di questa tecnologia più di noi stessi”.

Alla fine, Harriman afferma che i maggiori vincitori saranno quei costruttori che si renderanno conto che le tecnologie Web3 sono molto più che arte e oggetti da collezione.

“Penso [blockchain tech] avrà un impatto molto grande al di là dell’ovvia musica, film, celebrità, sport e giochi di cui parliamo.

“Che cosa può [smart contract technology] fare per l’immigrazione e identificare le persone in un mondo che è in crisi migratoria? Che cosa farà nell’istruzione e nella scuola? Come possiamo archiviare dati irrevocabili che potrebbero essere utili per gli studenti che vivono in luoghi in cui è difficile tenere registri, ad esempio una zona di conflitto”, ha affermato Harriman. “Penso [blockchain tech] avrà un impatto molto grande al di là dell’ovvia musica, film, celebrità, sport e videogiochi di cui parliamo sempre. Le cose meno luccicanti sono dove questa tecnologia può avere il maggiore impatto.

Brandan Playford

Credito: Brendan Playford

Brendan Playford, un sostenitore di lunga data della blockchain e co-fondatore di Masa Finance, è emerso come una figura centrale nella discussione per forme più significative di utilità NFT, come ciò che è realizzabile con Soulbound Tokens (SBT), un’innovazione proposta da Vitalik Buterin in un white paper all’inizio del 2022. Come Harriman, Playford afferma che questi nuovi usi delle tecnologie blockchain e NFT avranno un impatto più significativo rispetto alle industrie creative attualmente forgiate in Web3.

“La visione di Vitalik era piuttosto lontana nel futuro. Se leggi [his whitepaper], è praticamente dipingere un’immagine pluriennale, se non decennale per arrivarci “, ha detto Playford in un’intervista con nft now. “Le grandi domande nell’articolo di Vitalik erano: i dati sono privati? È pubblico? Come fai a non drogarti? Come si condividono i dati con una parte e si fa in modo che solo quella singola parte li trovi “, ha affermato Playford. In definitiva, ritiene che a queste domande verrà data risposta dagli SBT.

“Quello che noi di Masa pensavamo fosse. “Va bene, con quello che abbiamo costruito finora, utilizzando NFT non trasferibili (SBT), possiamo accelerare questa visione fino ad oggi.” E possiamo iniziare effettivamente a mettere il punto iniziale di questa visione nelle mani di persone che possono ottenere valore immediatamente.

Questa utilità alla fine porterà a un’adozione molto più diffusa e Playford prevede che questa adozione proverrà principalmente dalle generazioni più giovani.

“Nella mia mente, [future] gli utenti avranno dai 14 ai 18 anni e cresceranno nel ciclo successivo come nativi Web3”.

“Quello che vedo come la visione per Web3 è: alla fine di questo ciclo, in questo momento, avremo da cinque a sei milioni di portafogli DeFi. […] Se pensiamo che il prossimo ciclo potrebbe arrivare a 50, o diciamo 500 milioni, quel grande punto di svolta, da dove verranno quegli utenti”, ha detto Playford. “Nella mia mente, quegli utenti avranno dai 14 ai 18 anni che cresceranno nel ciclo successivo come nativi Web3. Questi sono individui che hanno molta familiarità con il metaverso. Sono giocatori accaniti che interagiscono quasi esclusivamente via Internet. E quegli utenti entreranno nella criptovaluta molto presto, invece che in un conto bancario.”

Ti piace? Condividi con i tuoi Amici
Facebook
Twitter
LinkedIn
Reddit
Pinterest
Leggi anche..
Archives des blog konnexidy. Ein kfz gutachter von crashexperts wird ihren wagen gründlich untersuchen und alle schäden dokumentieren. Ein besonderer service von vardi flowers ist die deutschlandweite blumenlieferung.