Abbiamo bisogno di un nuovo progetto per i mercati NFT

Abbiamo bisogno di un nuovo progetto per i mercati NFT


Uno dei motivi principali per cui sono stato attratto da Web3 è stato il concetto di un nuovo ecosistema in cui i creatori sono equamente ricompensati per il loro lavoro. Proprietà verificabile delle risorse digitali, provenienza on-chain e capacità di creare e registrare in modo immutabile: Web3 ha il potenziale per sconvolgere completamente le meravigliose ma sfruttatrici industrie dell’arte, della tecnologia, della finanza, della musica e altro ancora.

Per me, questo sembrava il futuro. Mi sento ancora così. Nonostante le attuali azioni dei mercati, sono fiducioso che, come industria, correggeremo il corso e ricorderemo perché siamo qui a costruirlo insieme.

Per me, la scoperta di Web3 è stato un momento che mi ha completamente cambiato la vita.

Avevo iniziato a sentirmi sempre più frustrato operando all’interno di sistemi con molti ostacoli all’innovazione e al progresso. Sono stato co-direttore di un’agenzia di produzione creativa. Ho passato il resto del mio tempo a organizzare sistemi di supporto a livello di comunità per donne e persone di genere diverso per accedere a tutto, dall’aiuto reciproco ai seminari. Ero appassionato del mio lavoro, ma avevo iniziato a dubitare dell’efficacia del suo impatto e stavo cercando modi per sfidare i sistemi che sentivo fallire mentre costruivo qualcosa di nuovo.

Il giorno in cui sono venuto a conoscenza di Web3, ho sentito di aver trovato la risposta.

Ho scoperto che, in Web3, potevo costruire una comunità attorno a idee, valori e intenzioni condivisi. Il concetto di royalties significava che, dopo il conio iniziale di un’opera (o di opere d’arte), un creatore poteva sostenersi con i guadagni ricevuti dal bene che passava di mano. Potrebbero continuare a trarre profitto dal valore che hanno creato e anche continuare a costruire. Era emerso un nuovo scambio di valore tra creatori e consumatori, che fungeva da trampolino di lancio per i creatori per accelerare lo sviluppo dei loro progetti senza fare affidamento su finanziamenti esterni.

Il decentramento in Web3 copre molte cose. Ma in relazione a questo argomento, è la distribuzione di opportunità, ricchezza e potere. I creatori dovrebbero avere il potere di determinare la loro percentuale di royalty e come (e dove) il loro lavoro viene venduto – e i commercianti possono scegliere se collezionare o meno quei pezzi. Il decentramento non dovrebbe significare la distribuzione del potere ai commercianti per sfruttare l’artista.

Dovremmo tutti avere la possibilità di scegliere come partecipare a questo ecosistema. Non dovremmo avere la capacità di determinare ciò che le altre persone dovrebbero o non dovrebbero ricevere per il valore che apportano al mondo.

Come i diritti d’autore avvantaggiano tutti noi

Lo scambio di valore circolare creato dalle royalties in Web3 ha trasformato la vita di molti artisti. Ha anche fornito finanziamenti e capitali per quasi tutte le principali raccolte di NFT fino a questo punto e ha architettato il panorama di questo settore. Oggi, non c’è un progetto in questo spazio che non abbia avuto il suo sviluppo iniziale facilitato in qualche modo dalle royalties.

Le valutazioni delle società emerse negli ultimi due anni, così come le valutazioni degli stessi marketplace, sono tutte dovute a royalties e commissioni. Queste strutture di pagamento hanno inviato segnali forti alle industrie Web2, incoraggiandole a partecipare. Hanno anche rafforzato la fiducia nel continuo investimento nello spazio e ci hanno elevato oltre gli sviluppatori di tecnologia insulari e i commercianti di criptovalute creando comunità che cambiano cultura.

È anche importante notare che questo modello ha avvantaggiato in particolare le persone sottorappresentate nell’arte, nella tecnologia e nella finanza. Queste strutture di pagamento hanno permesso loro di costruire qualcosa da soli senza dover attraversare il panorama custodito del capitale di rischio. È un fatto deludente ma molto reale che meno del due percento dei finanziamenti VC sia concesso alle donne, e ancora meno va alle donne nere e alle donne di colore. E solo l’otto per cento dei Venture Capitalist sono donne.

I sistemi e le strutture in Web2 non sono progettati in modo che tutti ricevano pari opportunità e i pregiudizi intrinseci influenzano ogni livello di sviluppo. Avere un sistema che abbatte quei muri e consente alle persone (come me) di ottenere un taglio immediato nonostante gli ostacoli è stato un cambio di paradigma e si è sentito come il catalizzatore di un cambiamento sociale molto significativo.

Il problema che stiamo affrontando

Il problema che dobbiamo affrontare in questo momento è l’interruzione dell’importantissima dinamica circolare tra creatori, collezionisti, commercianti e mercati. Le piattaforme di terze parti (in questo caso i marketplace) hanno la capacità e l’autorità di intervenire e interrompere questo rapporto diretto. Sostituirebbero questo scambio di valore più equo con un guadagno a breve termine per pochi, facendoci tornare indietro verso lo scambio di valore ingiusto e non trasparente che esiste attualmente in Web2.

Il creatore stabilisce i diritti d’autore per il proprio lavoro. Il mercato decide se vogliono o meno acquistare da quel creatore, comprendendo che questi sono i parametri impostati da quel creatore. I mercati non dovrebbero avere l’autorità di intervenire e interromperlo spostando il potere dai creatori.

— BETTY (@betty_nft) 18 febbraio 2023

Ciò avvantaggia solo i mercati e i commercianti, ma elimina completamente i vantaggi precedentemente offerti ad artisti e collezionisti. Eliminare gli aspetti di un ecosistema significa invitare lo squilibrio e il caos. E senza una strategia a lungo termine distinguibile a vantaggio di tutti i partecipanti, sembra una corsa a zero.

Al momento non ci sono molti posti dove acquistare opere d’arte a vantaggio del creatore su larga scala. I mercati con i volumi più alti ora si rivolgono solo ai commercianti. Ciò ha spostato l’associazione di molti progetti da “culturalmente preziosi” a “commerciabili”, minando il valore positivo e l’impatto che molti progetti hanno portato al mondo.

Rimuove la possibilità per l’artista/creatore di utilizzare i diritti d’autore per facilitare ulteriori cambiamenti significativi, cosa che molti progetti hanno fatto prima di questo, come Run Ed, Run di Ed Balloon. Nel caso di Ed, il 50 percento dei diritti d’autore del progetto è andato all’acquisto di opere d’arte da artisti neri e marroni.

Questo non è più possibile a causa delle politiche attuali.

Il commercio e il lancio sono una parte innegabilmente importante di questo spazio, ma non è il fondamento del valore, e ridurre l’espressione artistica delle persone brillanti qui alla commerciabilità sovverte il valore dell’espressione creativa stessa. Potremmo anche scambiare quadrati colorati.

Le soluzioni e la via da seguire

La collaborazione è uno dei cardini fondamentali di questo spazio. In genere, vedi i creatori in Web3 che operano da uno spazio di abbondanza piuttosto che di scarsità. La tua opportunità non significa la mia mancanza di opportunità. Il tuo valore non è la mia mancanza di valore. Invece, generalmente lavoriamo in modo collaborativo e ci rafforziamo a vicenda mentre procediamo, aprendo le porte affinché gli altri facciano lo stesso. A differenza di Web2, la maggior parte dei creatori nello spazio riconosce l’importanza di questo e lo abbraccia per galvanizzare le proprie comunità.

In questo particolare momento, come sottoprodotto del mercato ribassista e della crescente avidità dei trader, stiamo vedendo i principali attori del settore abbandonare il concetto di collaborazione.

Quello che stiamo vedendo in questa corsa allo zero sono aziende multimiliardarie che bruciano i ponti di fiducia con artisti e creatori stabilendo nuove politiche che sono in diretto contrasto con il vantaggio dei creatori che hanno reso preziose le loro piattaforme in primo luogo. Un mercato non può esistere senza creatori che producono arte da vendere.

Quello di cui abbiamo veramente bisogno […] è un nuovo progetto di mercato che avvantaggia allo stesso modo tutti i partecipanti all’ecosistema. Uno che abbraccia il creatore, il commerciante, il collezionista e la cultura.

Betty

Una soluzione ovvia a questo è che gli individui creino i propri mercati e possiedano il commercio che deriva dal commercio e dalla raccolta delle loro creazioni. Questa è una buona soluzione per aziende e creatori più grandi e affermati, ma rimuove l’aspetto della rilevabilità, frattura l’attenzione del mercato e crea comunità omogenee prive di collaborazione e crossover. Inoltre, queste soluzioni non sono facilmente utilizzate dai creatori emergenti, incoraggiando la crescita del divario sempre crescente tra artisti più piccoli e comunità più grandi.

Un’altra soluzione è l’adozione di strumenti e risorse per i creatori. Esistono diversi mercati più piccoli che offrono strutture a vantaggio degli artisti; tuttavia, questi mercati non hanno il volume o l’attenzione spesso desiderati dagli artisti. Esistono diverse aziende incredibili che si concentrano sullo sviluppo di risorse affinché i creatori rimangano sovrani sul proprio lavoro e incoraggerei chiunque legga questo articolo a indagare su di esse.

Ciò di cui abbiamo veramente bisogno, e ciò a cui so che più persone stanno lavorando, è un nuovo progetto di mercato che avvantaggi allo stesso modo tutti i partecipanti all’ecosistema. Uno che abbraccia il creatore, il commerciante, il collezionista e la cultura. Il concetto di pagamento di royalties è essenzialmente un contratto sociale. Quindi, come incoraggiamo gli individui e le organizzazioni a onorare tale contratto?

Sono fermamente convinto che il rinforzo positivo sia il modo migliore per incoraggiare chiunque a fare qualsiasi cosa. Quindi dobbiamo scegliere con cura quali piattaforme utilizzare e con cui interagire e prestare il nostro supporto a quelle che sono in linea con i nostri valori. Piuttosto che rimproverare gli altri, dovremmo elevare coloro che condividono i nostri obiettivi.

Pensieri finali

Molte persone potrebbero leggere questo e sentire fortemente che i creatori non dovrebbero fare affidamento sui diritti d’autore come entrate. E in effetti sono d’accordo. Deadfellaz e la maggior parte degli altri progetti lanciati nel 2021 non fanno più affidamento sui diritti d’autore e hanno stabilito molti flussi di entrate. Tuttavia, siamo stati in grado di farlo solo con il carburante iniziale delle royalties.

Il motivo per cui parlo non è per Deadfellaz o per me stesso, ma per progetti non consolidati e artisti emergenti. Credo che dovrebbero avere la stessa opportunità che ci è stata data quando abbiamo lanciato nel 2021. Affinché l’ecosistema Web3 continui a esistere, ci richiede di mantenere punti di ingresso sani affinché altri possano emergere. Non possiamo interrompere lo status quo e continuare a espandere questo settore se chiudiamo le porte dietro di noi quando pochi eletti raggiungono determinate vette.

Per molti, i diritti d’autore hanno significato pagare l’affitto, acquistare generi alimentari o accedere ad attrezzature che prima non potevano. Per la maggior parte delle persone, non significa guadagnare milioni.

Betty

E se stiamo supportando un panorama in cui le piattaforme centralizzate dettano la capacità di un artista di costruire, stiamo ulteriormente emarginando i creatori già sottorappresentati. Per molti, i diritti d’autore hanno significato pagare l’affitto, acquistare generi alimentari o accedere ad attrezzature che prima non potevano. Per la maggior parte delle persone, non significa guadagnare milioni.

L’azione e il dialogo sono necessari per instillare il cambiamento, quindi continuerò a utilizzare la piattaforma e la visibilità che ho, insieme ai miei colleghi, per parlare nella speranza di stabilire gli standard del nostro settore con l’umanità al centro, supportando al contempo le persone che creano soluzioni. Ai dirigenti che leggono questo articolo che sono responsabili degli eventi recenti, vorrei incoraggiarvi a valutare il motivo per cui avete iniziato a lavorare in questo spazio e a concentrarvi sulla costruzione di ponti invece di bruciarli.

Betty è la co-fondatrice e direttrice di Deadfellaz, una raccolta di 10.000 NFT a tema zombi che vivono sulla blockchain di Ethereum. È emersa come una delle voci principali dello spazio NFT nella lotta per proteggere i diritti d’autore.

Ti piace? Condividi con i tuoi Amici
Facebook
Twitter
LinkedIn
Reddit
Pinterest
Leggi anche..
Página de exemplo darkviolet baboon 990242. Archives des blog konnexidy.